top of page
Cerca

Scavalcare la bara: una pratica rituale fraintesa?




L'attraversamento della bara non è un gesto frequente nei vari riti praticati dagli esseri umani.


In Massoneria viene praticato tre volte durante gli ultimi tre passi della marcia del maestro, in occasione della cerimonia di elevazione alla laurea magistrale.



In alcuni rituali, scavalcare è interpretato come evocazione di una dimensione verticale.


In realtà, questa pratica rituale di sconfinamento in un rito massonico è particolare; senza alcun contenuto simbolico evidente, coerente e logico. Tanto più che non troviamo questo gesto nei riti cristiani.


Tutto avviene come se fosse un gesto magico di possesso e trasmutazione che permette di trasferire l'anima del defunto nell'anima del celebrante quando ne attiva la resurrezione. Sembrerebbe più una popolare pratica animista!



Questo rituale di attraversamento si trova nei riti di morte in Africa; ecco una descrizione:


Il rito del "passaggio" consisteva nel parlare davanti a tutti i testimoni per dire o riaffermare la lealtà e la probità che si è dimostrata nei confronti di un padre o di una madre durante la vita terrena. si trattava della morte di un vecchio, dopo l'annuncio della morte e appena terminati i preparativi per la sepoltura, oltre ai riti del lavaggio o del corpo, della consumazione dell'ultimo pasto e del sacrificio dei cani (solo per sepoltura di uomini in alcune comunità di Moose), prima del rito dell'ultimo giro della trama della morte, sul loro terrazzo viene eseguito il rito del calpestio del telaio. Tutti i figli, le figlie e i parenti sono invitati a venire a dare un'ultima testimonianza della loro lealtà e fedeltà al defunto.Ogni candidato all'esercizio, si ferma davanti alla cornice e pronuncia il discorso: "Nella tua vita non ho mai tradito te o detto bugie su di te, a meno che io non abbia fatto ciò che ti è proibito. Se l'ho fatto, tu che sei nella tua verità, non lasciarmi. Se non ti sono stato fedele solo in complicità con gli antenati, afferra il mio piede per portarmi lì." Si siede a cavalcioni del corpo tre (3) e le donne quattro (4) volte. Pertanto, è necessario sapere che quando un pacchetto è stato commesso, è meglio non avventurarsi. Esempi di pacchetti possono essere infedeltà nella coppia, stupro, furto, calunnia e calunnia che hanno prodotto grave danno alla moralità e/o notorietà del defunto in vita. punizione sarà inciampare o cadere in pubblico, prova che il defunto è entrato per “afferrargli il piede”. (Fonti: Dr. Patrice KOURAOGO, ricercatore associato, sociologo presso CNRST-INSS)



Una pratica mortuaria presente nelle Indie Occidentali


Da un lato, "Le donne hanno sistemato la casa, coperto gli specchi , lenzuola bianche e adornano il letto con i migliori attributi dopo aver posto un'asse sul materasso per mantenere il corpo in posizione eretta. Era anche tradizione che tutti coloro che temevano i morti si sedessero a cavalcioni dei resti ». (Fonte: Antille: riti funebri del passato)



Pasqua e viaggio


Tutti sanno che Pesach è il nome di una festa ebraica; Bernard Marquier nel suo libro Da Mosè a Hiram: e se quella fosse la Massoneria?" si riferisce alla Pasqua:



Ma non tutto è semplice perché nella tradizione ebraica è vietato anche esagerare!


Il giudizio è anche... una tecnica di versificazione usata nella poesia


Rifiuto all'inizio del verso successivo di una o più parole essenziali per comprendere il significato del primo verso (Fonte CNRTL)


In conclusione:


Il passo sopra la bara vuota nel Rituale di Ascesa alla Maestria è un simbolo gestuale senza spiegazione logica; Salva la nostra ignoranza, questo simbolismo non si trova in nessuna tradizione cristiana del tardo medioevo. Dobbiamo continuare a cercare!




Fonte:


14 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page