top of page
Cerca

Dell'interesse di un approccio massonico collettivo!




Chiedere l'appartenenza a una loggia massonica è un atto di unione con altri individui! Pertanto, possiamo pensare che sia in corso un approccio collettivo!


C'è l'approccio massonico collettivo della loggia a cui si appartiene e anche quello dell'obbedienza a cui appartiene la loggia. Potremmo anche menzionare l'approccio collettivo della Massoneria in generale nei confronti di altre organizzazioni della società civile.





A livello di loggia: requisito "Un libero muratore in una loggia libera!" (vedi l'origine di questa espressione) < /u>


Oggi, all'inizio del XXI secolo, una vecchia struttura come una loggia massonica funziona sulla base di un'anteriorità che ha codici e rituali fissi. Il "come" impone il segno mentre il "perché" non viene quasi mai affrontato.


Gli esseri si incontrano di nuovo, fanno gesti come hanno sempre fatto e tornano a casa! Per come funziona il gruppo massonico, gli scambi sono superficiali e generali; raramente viene proposto un coinvolgimento personale. Allo stesso modo, la condivisione il più delle volte si riduce ai gesti dell'incontro.


Ognuno è nel proprio mondo; viviamo insieme, declamiamo, ascoltiamo anche belle parole, ma la cosa principale è il lavoro personale che ognuno può fare!


Ci sono, ovviamente, interferenze con ciò che sta accadendo nelle notizie, nella politica, nell'economia, negli sconvolgimenti della natura; ognuno può avere altre affiliazioni ad altre dinamiche collettive.



Ma qual è la specificità della Massoneria?


Storicamente si potrebbe dire che si tratta di un movimento politico-filosofico con connotazioni esoteriche che svolge un ruolo di socializzazione.


La ricerca della coesione e il desiderio di creare un clima fraterno sfocia spesso in un modo di operare a tendenza settaria dove dominano l'autocensura e l'autocompiacimento. Nonostante ciò, oa causa di ciò, la scissione della loggia e le dimissioni sono comuni. In modo che le logge vivano momenti molto vari di maggiore o minore coesione con periodi dinamici e altri di un certo letargo, tutto ciò a seconda della personalità degli animatori, del loro accordo o del loro disaccordo.


Tuttavia, sono pochi i processi di riflessione collettiva che possono restituire un significato condiviso a un approccio collettivo.



Cos'è un approccio collettivo?

Spazio per azioni collettive

Le azioni collettive variano lungo due dimensioni:

  • la modalità di interazione utilizzata (da personale a impersonale)

  • e la modalità di coinvolgimento sentita. (dall'imprenditoriale all'istituzionale) tra i partecipanti all'azione collettiva." (fonte )


Il raggruppamento trova la sua giustificazione nella volontà di porre in essere un'azione collettiva finalizzata al raggiungimento di uno o più obiettivi collettivamente definiti e approvati.


In una loggia massonica ci sono obiettivi preliminari "Migliorare l'uomo e la società", ad esempio, che rimangono molto vaghi, non vengono mai messi in discussione dal gruppo e non suscitano il desiderio di essere spiegati.


E questi obiettivi raramente portano allo sviluppo di progetti di azione collettiva.


Possiamo facilmente comprendere la contraddizione che attraversa il gruppo massonico: una dimensione collettiva con obiettivi imposti, vaghi e senza azioni collettive per raggiungerli!


Cosa resta?


Un luogo in cui viene praticato un rituale a cui tutti sono liberi di aderire o meno! La dimensione collettiva si traduce in due componenti:

- riunirsi per eseguire un rituale con drammatizzazione,

- la capacità di costruire relazioni personali con i membri del gruppo.




A livello di obbedienza


In ogni obbedienza, la definizione di obiettivi comuni e l'attuazione di azioni collettive riguardano o azioni di beneficenza o eventi vari (convegni, fiere, commemorazioni, mostre, ad esempio)


Questo generalmente riguarda una minoranza di persone che per la maggior parte del tempo ricoprono cariche elettive.



A livello di Massoneria in generale


A volte vengono emessi comunicati stampa co-firmati da funzionari.

questo riguarda il Gran Maestro di ciascuna obbedienza.



Questo testo non riguarda specificatamente il gruppo massonico ma non credi che questa descrizione si incontri spesso in loggia?



Ostacoli all'azione collettiva:


Ci sono due tipi di azioni collettive possibili a livello di loggia:


- Azione collettiva riguardante obiettivi che coinvolgono la vita interna della loggia

- Azione collettiva in merito all'esternalizzazione degli obiettivi


- Ostacoli nello spogliatoio:

  • Mancanza di disponibilità

  • Bassa motivazione

  • La paura di rivelarsi per le manifestazioni dell'esteriorizzazione

  • Lasciarsi andare, routine, "niente onde, per favore

  • e altri motivi


I diversi gruppi possono essere classificati secondo due criteri essenziali:

  • La coesione del gruppo (questo criterio riguarda la qualità dei legami esistenti tra i membri del gruppo: aiuto reciproco, assenza di divisioni interne, benevolenza)

  • Libertà di iniziativa dei membri del gruppo: libertà di espressione, considerazione delle individualità, capacità di integrare le specificità, rispetto reciproco)



La falsa dialettica sociale/simbolica


La maggior parte delle logge opera senza una bussola: nessun obiettivo ponderato, nessuna azione ponderata! Si tratta di mettere in agenda una o due tavole e/o una cerimonia rituale. e sulla base di uno o due incontri mensili 10 mesi su 12, l'anno passa cahin-caha!


Tra i temi del tabellone, alcuni laboratori privilegiano temi legati a problemi sociali o temi simbolici! La fama dell'opera in certe obbedienze fa sì che le cosiddette tavole sociali siano spesso accompagnate da interventi appassionati.


A nostro modesto parere, non è il tema in questione ma la cattiva organizzazione dei discorsi che trasgredisce la regola che in loggia non si discute, non si giudica, si trasmette una proposta su un argomento! Anche gli interventi devono essere moderati e benevoli!



Gli ufficiali della loggia che hanno la responsabilità di organizzare e animare il funzionamento del gruppo massonico a livello di loggia devono fare in modo che l'effetto di gruppo non disturbi le dinamiche del gruppo! È molto difficile ! Per evitare ciò, l'ideale sarebbe da un lato chiedere agli ufficiali di non esprimere le proprie opinioni, procedere sempre votando per palline bianconere o depositando proposte in un'urna ed evitare un ambiente appassionato. .


Quale dinamica collettiva?


Come abbiamo detto, partecipare a un gruppo ha senso solo se vuoi far parte di una dinamica collettiva che stabilirà obiettivi e azioni per raggiungere questi obiettivi!


Progettare questo approccio collettivo richiede una metodologia che non sia compatibile con il lavoro rituale; questo di solito viene fatto nel cosiddetto abbigliamento da comitato dove il rito è ridotto a ciò che riguarda il parlare



Alcuni esempi:


Un camerino è gratuito; può quindi decidere collegialmente:

- lavorare per uno o più anni su un argomento preferito, ad esempio "conoscenza di sé

- una volta stabilito il tema, l'intera loggia dovrà decidere le azioni da mettere in atto per raggiungere l'obiettivo prescelto: relatori, lavoro da condividere, animazioni, ecc.


A livello di obbedienza


L'impegno collettivo obbediente è spesso deciso a livello di consiglio dell'ordine; però a volte il convento deve porsi uno o più obiettivi!


Il più delle volte, riguarda solo pochi membri! Questa incapacità di mobilitare tutti i membri di un'obbedienza su un obiettivo specifico con azioni ben calibrate pone un problema!


È dovuto a una perdita di significato?


A livello di Massoneria, alcune azioni interobedienziali si manifestano sotto forma di un comunicato stampa comune: è adatto alle esigenze della comunicazione? Possiamo dubitarne!


Pochissime (se non nessuna) azione collettiva riguardano un obiettivo che potrebbe essere comune a più obbedienze!


Come implementare l'intelligenza collettiva di un gruppo


Lavorare insieme, cooperare è una delle caratteristiche degli esseri umani. Questa capacità può essere molto efficace nel campo del lavoro.

L'intelligenza collettiva è "uno stato di maturità di un collettivo in cui il livello delle prestazioni collettive è molto alto". La performance collettiva combina due fattori: produttività (qualità delle risorse, processo decisionale) e positività (M. MORAL, 2010).

Per consentire lo sviluppo dell'intelligenza collettiva, è necessario saper costituire un gruppo composto da individui con competenze complementari, fidandosi l'uno dell'altro, attorno a un progetto comune con obiettivi condivisi da tutti.

Questo gruppo deve essere animato, gestito per promuovere:

  • cooperazione efficace

  • motivazione e impegno dei partecipanti

  • la differenziazione dei compiti chiara e accettata da tutti

  • l'espressione di tutti

  • riconoscimento dei contributi dei membri


Questo è, mi sembra, il criterio della qualità di funzionamento di un gruppo di natura filosofica come può essere il gruppo massonico!



Conclusione


Come abbiamo visto, c'è una vera mancanza di impegno massonico collettivo!


Molti autori di opere massoniche sembrano mettere in discussione l'interesse di un approccio collettivo valorizzando l'approccio iniziatico individuale che dovrebbe far conoscere l'estasi dei misteri!


Tutto si dice per cercare di dimostrare che l'iniziazione provoca un cambiamento individuale che accompagna la scoperta di una dimensione mistica!


Da secoli lo stesso discorso con varianti personali: cerca e troverai! E nel frattempo, silenzio!


E che tutti attingono dalla letteratura dei vari "saggi" della "tradizione", dall'antico Egitto alla cabala, inclusi occultisti, Cavalieri Templari e altri "Nibelunghi".


Discorso facile visto che non si chiede di fornire prove o di valutare le promesse!


Discorso distruttivo perché in questo periodo ogni accenno di dinamica collettiva viene buttato via!


È come se i sommi sacerdoti o le alte sacerdotesse volessero tenere le mani su una liturgia immutabile e colorata!


E ovviamente quale modo migliore per giustificare i tuoi diritti se non quello di esorcizzare il demone che afferma di voler fare "sociale" o "società"!


Che tutto ciò rasenti il vuoto siderale del delirio, che nessuna credibilità scientifica sia avanzata, che molti di questi "guru" abbiano avuto percorsi a dir poco inquietanti, non è un problema: la Verità è trascendenza! < /p>


Se affermiamo di voler essere seri, non potremmo tornare a una razionalità provata?


Non è un problema che la dimensione individuale consenta tutte le immaginazioni, ma che l'adozione di una struttura collettiva non si traduca in una ricerca di un pensiero collettivo, che sembra del tutto irragionevole!

A parte l'impegno caritativo molto sviluppato dalle obbedienze anglosassoni, si deve notare la mancanza di una riflessione collettiva svolta in modo spassionato, la rarità di azioni collettive qualunque sia il livello interessato che possono essere considerate come un superamento del pensiero individuale !


Tutto ciò è deplorevole ma spiega anche un certo disincanto di chi non comprende la nostra specificità!


È anche dannoso per la società nel suo insieme perché sembriamo incapaci di svolgere il nostro ruolo di promotori di un centro di unione.


Eppure, questa carenza attuale merita una seria riflessione inter-obbedienziale! Tutti devono vincere! Ogni obbedienza può mantenere la sua specificità senza timore di essere manipolata!


Definisci collettivamente uno o più obiettivi, quindi stabilisci i termini dell'azione e mettiti al lavoro! Poi valuta cosa è stato fatto!



Altri modi di vedere


14 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page